Archivio mensile:febbraio 2013

Incomunicabilità elettorale

Standard

E’ con estremo rammarico e disgusto che in questa campagna elettorale mi trovo a fronteggiare atteggiamenti statici e incancreniti. Mi riferisco  allo spirito con cui la maggior parte degli italiani sta vivendo questo momento di fondamentale importanza per il nostro paese.

Ovunque mi rivolga trovo persone pervase da uno spirito di appartenenza di stampo calcistico in pieno delirio di adorazione per questo o quel candidato premier, movimento o partito, con il quale condivide tutto il programma alla lettera (sempre che lo conosca…),  ogni scelta strategica ed ogni cambio di percorso. Premetto che non condanno il vivere passionalmente le proprie idee politiche…anzi l’essere di parte quando ben argomentato è interessante sempre, ma non ho mai compreso i dogmi e la fede incondizionata.

Rimango basita di fronte alla violenza verbale di Grillo e delle sue gruardie del corpo (ormai non si possono più chiamare sostenitori!), alla volgarità costante di tutti i PDLini in preda al panico, ai Bersaniani o Vendoliani che dir si voglia, che devono consultare le ultime dichiarazioni del proprio leader per poterle difendere a spada tratta.

Gli italiani sono un popolo passionale…ma, se solo sapessero dove sfogare tanta passione credo che le cose andrebbero decisamente meglio! Tanto per citare Churchill : “Gli italiani prendonole guerre come se fossero partite di calcio e le partite di calcio come se fossero guerre”